Famiglia in salute

Studio medico
FamigliaInSalute

a cura di:
dott. Salvatore Guercio Nuzio - Pediatra
dott.ssa Rosa Adiletta - Psicoterapeuta familiare
dott.ssa Filomena Esposito - Psicoterapeuta familiare

  • Pediatria specialistica

  • Pediatria specialistica

  • studio Pediatria specialistica

  • lo studio

  • studio Pediatria specialistica

Parliamo di...

Varicella: come riconoscerla e come trattarla

Varicella

La Varicella è una malattia altamente contagiosa provocata dal Virus varicella-zoster (VZV), appartenente alla famiglia degli Herpes viridae. Si trasmette da persona a persona, per contatto diretto con lesioni da Varicella o Zoster, oppure per via aerea tramite goccioline di saliva o muco. Di solito il periodo di incubazione varia da 10 ai 21 giorni mentre la contagiosità dura da 2 giorni prima della comparsa dell’eruzione cutanea fino alla trasformazione in croste di tutte le vescicole presenti sulla cute. Si manifesta con febbre (modesta) e con le tipiche maculo-papule cutanee, rossastre, isolate, non confluenti, che dopo poche ore si trasformano nelle caratteristiche vescicole a contenuto inizialmente chiaro, pruriginoso, successivamente in pustole e infine in croste. L’evoluzione non è uniforme e contemporanea su tutta la cute al punto che che si parla di esantema “a cielo stellato” (foto) per descrivere queste lesioni, molto vicine le une alle altre ma in differenti stadi evolutivi. Le complicanze della Varicella sono temibili, al punto che il Decreto Legge approvato recentemente dal Governo prevede l’obbligatorietà anche per il vaccino anti VZV. Si passa dalla più banale impetiginizzazione (sovra-infezione batterica) delle vescicole (5% dei casi) a casi più delicati di polmoniti (1%), nevrassiti, encefaliti, epatiti e cheratiti erpetiche. La diagnosi è sostanzialmente clinica, a colpo d’occhio. La terapia è principalmente sintomatica e si basa sull’utilizzo di antipiretici, antistaminici e/o talco mentolato per donare una sensazione di freschezza al nostro bambino e alleviare quindi il prurito. L’aciclovir per os somministrato precocemente (entro 24-48 ore dall’inizio dell’esantema) ha dimostrato di essere efficace nel ridurre i sintomi della varicella, tuttavia il suo impiego routinario non è consigliato nei casi di varicella non complicata nei bambini peraltro sani, a causa del beneficio considerato marginale anche in rapporto al costo.

Share by: